Plasma iperimmune per i casi Covid-19 più gravi: Fidas Vicenza da anni contribuisce con circa 7000 donazioni di plasma


30/05/2020


Il presidente Mariano Morbin: “siamo orgogliosi del lavoro dei nostri donatori, ma occorre andare avanti, continuare a donare e sostenere la ricerca scientifica e le sperimentazioni”



VICENZA, 30 MAGGIO 2020

Con una media di oltre 7000 donazioni negli ultimi cinque anni, Fidas Vicenza è tra le più importanti Associazioni di donatori di sangue in Veneto, in fatto di raccolta del plasma. 

Un risultato di cui l’Associazione non intende vantarsi, ma a partire dal quale si vuole sensibilizzare la popolazione a continuare a donare, visti i risultati positivi sul Covid-19 con l’utilizzo del plasma iperimmune.

Potrebbe essere nel plasma dei guariti, infatti, la chiave per curare, almeno nei casi più seri, i malati di Covid-19 (leggi come poter donare il Plasma Iperimmune a Vicenza). 

La terapia con il plasma, ricco degli anticorpi sviluppati dal guarito, è una delle strade che si stanno percorrendo per trovare una cura a un virus per il quale al momento non esistono soluzioni definitive. In Italia si sta sperimentando al San Matteo di Pavia, insieme all'ospedale Carlo Poma di Mantova, ed i primi risultati, a detta dei ricercatori, sono incoraggianti.

“Sembrerebbe che la terapia con il plasma non sia una cura miracolosa – spiega il presidente provinciale di Fidas Vicenza, Mariano Morbin – ma, stando a quando rivelano gli addetti ai lavori, rappresenta uno strumento che insieme ad altri potrà consentirci di affrontare nel modo migliore questa epidemia. 

La plasmaferesi non è una cura per il coronavirus, né un farmaco. Il plasma dei guariti, però, grazie alla presenza di anticorpi neutralizzanti, permette di trattare i pazienti Covid-19 più gravi, prima che l’insufficienza respiratoria porti alla morte”.

Alla luce di questo è importante che i donatori guariti dal Covid, contattati dalle strutture sanitarie, continuino a donare.

Una volta di più, infatti, questa situazione dimostra come il dono del sangue si traduca in speranza di vita per molte persone che attraversano situazioni di difficoltà.
“I donatori di sangue sono preziosi. Lo sono sempre, non soltanto quando ci sono delle emergenze. Proprio nei momenti di difficoltà, però – aggiunge il presidente Morbin – l’attenzione è puntata su di noi. Un fenomeno, quello della visibilità, che non andiamo cercando, perché il nostro fare del bene è del tutto disinteressato. 


Le porte dei centri trasfusionali, dopo il periodo più difficile dell’emergenza sanitaria, sono riaperte ed accettano nuove candidature (puoi lasciare la tua adesioni qui per poi venire ricontattato), nel rispetto delle misure di restrizione previste in questo momento. Auspichiamo che molti vicentini colgano questa opportunità”.

I nuovi donatori dovranno contattare ed accordarsi con uno dei centri trasfusionali di riferimento per la provincia di Vicenza:

Vicenza (0444-753910 dalle 11.30 alle 13.30)
Montecchio Maggiore (0444-708310 dalle 11.00 alle 12.30)
Noventa Vicentina (0444-755794 dalle 11.00 alle 12.30)
Lonigo (0444-431316 dalle 11.00 alle 12.30)
Sandrigo (0444-756455 dalle 11.00 alle 12.30)
Valdagno (0445-423275 dalle 11.00 alle 12.30)